Evita di essere in debito con te stesso

20130922-120157.jpg

Tutte le volte che rimandiamo una cosa con una scusa simile a…

Lo farò dopo. Tanto, non mi porterà via troppo tempo…

Tutte le volte che rimandiamo il momento di fare qualcosa, quel momento se ne andrà per sempre.

Anche se mentre sei su Facebook pensi che ci possa stare giocare/chattare per 16 ore di fila, dopo aver faticato così tanto in questa settimana, ma la verità è che nessuno di restituirà quei minuti persi. Puoi sempre distribuire nel futuro cose che puoi fare benissimo oggi: essenzialmente è come fare debiti con te stesso.

Continua a leggere Evita di essere in debito con te stesso

La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’occasione

Quadrifoglio

Questa citazione, attribuita al filosofo romano Seneca, ci ricorda che noi facciamo la nostra fortuna. La differenza fra persone fortunate e sfortunate è presente solo nella nostra prospettiva.

Continua a leggere La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’occasione

Cosa succede quando si impara una nuova abilità

rete-neurale

Sicuramente hai sentito più volte ripetere l’espressione “la pratica rende perfetti”, e magari hai anche letto la famosa teoria “10 mila ore” di Malcolm Gladwell. Ma cosa fa la pratica al cervello? Cosa succede, quando si sta imparando qualcosa di nuovo? Il team di condivisione sociale app Buffer indaga.

Imparare ricabla nostri cervelli

Quando impariamo una nuova abilità, che si tratti di programmazione in Python, fornire assistenza a clienti al telefono o giocare a scacchi, stiamo cambiando il modo in cui il nostro cervello è collegato ad un livello profondo. La scienza ci ha dimostrato che il cervello è incredibilmente plastico e non “indurisce” fino ai 25 anni e rimane solido per il resto della nostra vita. Mentre certe cose, soprattutto nuove lingue, sono più facilmente apprese da bambini rispetto agli adulti, abbiamo un sacco di prove che gli adulti più anziani possono anche avere delle trasformazioni reali nel loro neurocircuito.

Ma come funziona davvero? Ebbene, per effettuare qualsiasi tipo di compito, dobbiamo attivare varie porzioni del nostro cervello. Il nostro cervello coordina un insieme complesso di azioni che coinvolgono la funzione motoria, l’elaborazione audio e video, le competenze linguistiche verbali, e altro ancora. In un primo momento, esercitando una nuova abilità ci si potrebbe sentire rigidi e goffi. Ma, praticando, tutto diventa più semplice e ci si sente più a proprio agio. Quello che la pratica sta in realtà facendo è aiutare il cervello ad ottimizzare questo insieme di attività coordinate, attraverso un processo chiamato mielinizzazione.

Come lavorano i segnali nervosi

Un po’ di neuroscienze di base: i neuroni sono gli elementi di base di costruzione del tessuto nervoso presente nel cervello. Un neurone è costituito dendriti, che ricevono segnali da altri neuroni; corpo cellulare, che elabora tali segnali; assone, un lungo “cavo” che raggiunge e interagisce con altri dendriti dei neuroni. Quando le diverse parti del cervello comunicano e coordinano tra loro, inviano impulsi nervosi, che sono cariche elettriche che viaggiano lungo l’assone di un neurone, raggiungendo alla fine il neurone successivo nella catena.

Immagina una fila di domino messi a stretto contatto: quando si attiva un neurone, è come abbattere il primo tassello di una lunga catena. Questo processo si ripete da neurone a neurone, fino a quando i segnali nervosi non raggiungono la loro destinazione. Questa comunicazione avviene a velocità incredibilmente rapida.

Come la Mielinizzazione influisce sugli impulsi nervosi

A volte ci riferiamo al nostro cervello come “materia grigia“, perché dal di fuori, il cervello sembra più grigio. Ma c’è anche un sacco di “materia bianca” che riempie quasi il 50% del nostro cervello. Quella roba bianca è la mielina, un tessuto grasso che copre per gran parte i lunghi assoni che si estendono fuori dai nostri neuroni. Gli scienziati hanno scoperto che la mielinizzazione aumenta la velocità e la forza degli impulsi nervosi forzando la carica elettrica a saltare dall’altra parte della guaina mielinica all’assone successivo.

In altre parole, la mielina trasforma il segnale elettrico in versione cervello di Nightcrawler, il mutante di X-Men. Invece di viaggiare in linea retta lungo l’assone, la carica è viene spinta verso l’altro a più rapidamente (maggiori info qui).

Maggiore attività neurale provoca la crescita della mielina

Ok, quindi come possiamo aumentare la mielina sui nostri assoni nervosi?

Prima di tutto, la mielinizzazione avviene naturalmente, gran parte di essa durante l’infanzia. I bambini sono come una macchina genera mielina, prendendo informazioni sul mondo e di se stessi. Una volta più anziani, si continua a generare mielina sugli assoni, ma succede ad un ritmo più lento e richiede più sforzo.

Gli scienziati ritengono che due cellule non-neuronali (dette “gliali”), presenti nel cervello, svolgono un ruolo nella creazione di nuova mielina. La prima è una cellula gliale è chiamata astrocita. Gli astrociti controllano gli assoni dei neuroni per la gestione di un sacco di segnali e la ripetizione di segnali su un particolare assone innesca astrociti pronti a rilasciare sostanze chimiche che stimolano la seconda cellula (nota come Oligodendrocita) per la produzione di mielina, che avvolge l’assone (maggiori info ).

Quindi, praticando qualunque cosa, scrivere ogni settimana o giocare a Call of Duty, innescano un modello di segnali elettrici attraverso i nostri neuroni. È in questa fase, che si innescano il duo di cellule gliali a mielinizzare sugli assoni, aumentando la velocità e la potenza del segnale. E’ come passare dalla dial-up alla banda larga.

Neuroni e tanta mielina -> prestazioni migliori?

C’è un ultimo punto a fare qui, come facciamo a sapere se mielina migliora le prestazioni?

Beh, questo è difficile da dimostrare definitivamente. Possiamo dire con certezza che aumenta la velocità e la forza del nervo impulso, il quale sembra utile per l’apprendimento. Tuttavia, non possiamo tagliare i cervelli della gente e cercare la mielina direttamente senza incorrere ad un sacco di questioni etiche e legali.

Un fatto convincente viene da scansioni cerebrali fatte su musicisti esperti. In questi anni, si è sviluppata molta ricerca per tentare di rispondere al come il cervello di un musicista differisce dai cervelli della gente comune. Uno studio specifico ha utilizzato una particolare scansione del cervello denominata Diffusion MRI, che ci dà informazioni sui tessuti e le fibre all’interno della regione scannerizzata in modo non sia invasiva. Lo studio suggerisce che l’importo stimato di pratica che un pianista esperto ha fatto durante l’infanzia e l’adolescenza è correlata alla densità di materia bianca nelle regioni del cervello legate alle capacità motorie, visive e nei centri d’elaborazione uditiva (e altri). Ancor più significativo, si è evidenziata una correlazione diretta tra il numero di ore praticate e densità di sostanza bianca/mielina presente negli assoni.

Un altro punto a favore di questa teoria è ciò che accade quando la mielina manca. La Demielinizzazione è un fattore noto nella sclerosi multipla e di altre malattie neurodegenerative che causano sintomi come la perdita di destrezza, visione offuscata, perdita di controllo dell’intestino e debolezza generale e stanchezza. Questo suggerisce che la mielina è un fattore importante nel permettere al nostro cervello di eseguire gran parte delle funzioni corporee.

La pratica rende Mielina, quindi pratica con attenzione!

Comprendere il ruolo della mielina significa non solo comprendere perché la quantità della pratica è importante per migliorare le proprie abilità (come è importante la ripetizione degli stessi impulsi nervosi nuovo e per attivare le due cellule gliali che mielinizzano gli assoni), ma anche la qualità della pratica.

Se pratichiamo male e non correggiamo i nostri errori, andremo a mielinizzare quegli assoni, aumentando la velocità e la forza di quei segnali che non ci fanno bene.

In breve: praticare abilità nel tempo stimola quei percorsi neurali per lavorare meglio in sintonia con la mielinizzazione. Per migliorare le prestazioni, è necessario praticare frequentemente, e cercare costantemente feedback per avere la certezza di praticare quella attività correttamente.

Via | Why practice actually makes perfect: How to rewire your brain for better performance