Come chiudere un programma impallato in GNU/Linux

Anche in ambiente Linux un programma si pianta (magari meno spesso che in Windows). E se proviamo a chiuderlo non succede nulla. Come uccidere questi processi in GNU/Linux?

In qualunque distro Linux, ad ogni processo viene assegnato un PID (Process ID) univoco che lo distingue dagli altri. Per trovare il PID possiamo usare da terminale il comando “top” o”ps aux | grep NOME_PROCESSO“.

Ora che conosciamo il PID, abbiamo tre metodi per uccidere una applicazione:

1. Metodo – Il più comune

Aprire un terminale/shell e dare il comando:

kill PID_PROGRAMMA

A seconda della distribuzione in uso, bisogna anteporre l’istruzione per ottenere i privilegi d’amministrazione (ad esempio in Debian e Ubuntu-like, “sudo” | in Fedora “su”);

2. Metodo – Col Nome

Questo è forse il metodo più immediato: basta conoscere il nome dell’applicazione per ucciderlo. Da terminale:

sudo killall NOME_APPLICAZIONE

3° Metodo – “Interattivo”

Da Terminale, basta digitare:

xkill

Il cursore diventa  una “X” (in alcuni sistemi persino un orribile teschio) e con un click sull’applicazione da uccidere, la chiuderemo immediatamente.

4 commenti su “Come chiudere un programma impallato in GNU/Linux”

  1. Per i principianti consiglierei di mettere sulla barra in alto verso il centro il pulsante kill… già predisposto tra i gadget di default (fa comparire la solita X).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.