Come fare funzionare x360ce con Metal Gear Solid V: The Phantom Pain

Atteso da milioni di fan appassionatisi alla Metal Gear saga creata da Hideo Kojima, finalmente è stato lanciato sul mercato il nuovo capitolo, quello che doveva essere il conclusivo e, forse, anche il più rivoluzionario (per via del suo gameplay di natura profondamente differente rispetto ai predecessori). Chi ha acquistato Metal Gear Solid V: The Phantom Pain e non dispone di un controller supportato, può sempre ricorrere all’utilissimo programma x360ce.

Continua a leggere Come fare funzionare x360ce con Metal Gear Solid V: The Phantom Pain

Come risolvere il problema di PresentationFontCache.exe quando usa più del 50% di CPU

presentation-font-cache

Uno dei problemi che più di recente mi è capitato di affrontare, riguardava questo processo “PresentationFontCache.exe” che andava a rallentare l’intero sistema operativo con le sue incredibili richieste di calcolo CPU. Tuttora non ho ben chiaro come sia nato questo problema.

Ma, dopo una breve ricerca su google sulla natura del processo, ho capito che esso nasce da alcuni file di formato ‘.dat’ lasciati da qualche altro programma che in qualche momento li ha creati ma poi non li ha rimossi. Ecco quindi come risolvere il problema:

1. Aprire una qualunque cartella di Windows;
2. Cliccare sull’indirizzo in alto, in modo che diventò possibile scrivere un percorso;
3. Incollare il seguente percorso:
C:\Windows\ServiceProfiles\LocalService\AppData\Local\
4. Cancellare il file “Font.dat” e tutti gli altri “Font-*.dat” e riavviare il sistema.
5. Finito!

Il problema non dovrebbe più ripresentarsi e finalmente il computer dovrebbe ritornare a funzionare come ricordavi!

Come rimuovere il virus della guardia di finanza dal PC

Vi siete beccati il famoso quanto noioso virus della guardia di finanza? Ecco come rimuoverlo:

1. Spegnere il PC;

2. Accendere il PC e premere il tasto F8 ripetutamente sulla tastiera. Questo porterà a Windows a far scegliere le “Opzioni avanzate“;

3. Da qui, utilizzare la freccia giù sulla tastiera per muoversi, localizzassi sulla “modalità provvisoria con rete” e quindi premere invio da tastiera;

4. Windows si avvia in maniera un po’ diversa dal solito, e verrà presentato con uno sfondo del desktop che mostra “Modalità provvisoria” in basso a destra;

5. Aprire il proprio browser preferito, cliccare qui e quindi scaricare e installare la versione gratuita del software Malwarebytes Anti-Malware (se viene richiesto di eseguire l’applicazione, selezionare “Esegui” o ““; in caso contrario, individuare il file, una volta completato il download e cliccare due volte su di esso per installarlo);

6. Il processo di installazione è molto semplice. Quando si raggiunge la schermata finale, assicurarsi Malwarebytes Anti-Malware si auto-aggiorni (oppure aggiornarlo manualmente);

7. Potrebbe essere richiesto di riavviare il sistema. Se è così, avviare Windows come descritto nel passaggio #2. In alternativa, andare al passaggio successivo.

8. Avviare Malwarebytes Anti-Malware e scegliere l’opzione “Esegui scansione completa” e cliccare sul pulsante “Scansione“;

9. Selezionare le unità da controllare. Non è necessario selezionare l’unità CD/DVD se non c’è un disco all’interno (né è necessario spuntare la casella se c’è un film su DVD o un CD audio in esso). Quindi cliccare su “Scan” per fare partire la ricerca.

10. Mettersi comodi e aspettare. Il tempo necessario per la scansione del disco (o dei dischi) dipende da una serie di fattori (prestazioni del PC, dimensioni, numero di file);

11. Quando la scansione viene completata, una finestra pop-up compare. Cliccare su “OK“;

12. Ecco gli oggetti rilevate come minacce. Selezionare tutto, quindi cliccare sul pulsante “Rimuovi selezionati“;

Finito! A questo punto, possiamo riavviare tranquillamente, essendo sicuri che il malware della Guardia di Finanza non ci darà mai più problemi.

Come copiare i contatti della rubrica fra Symbian, Android e iOS facilmente

Una delle più brutte conseguenze che devono subire gli utenti quando cambiano gli equilibri di potere tecnologici, riguarda la portabilità dei propri dati. Uno degli esempi provocato da eventi di questo tipo, riguarda i contatti della rubrica. Se, come il sottoscritto, avete salvato tutta quella valanga di nomi e cognomi su sistemi Symbian, allora come passarli tutti in un sol colpo su iOS o Android?

Ebbene, gli sviluppatori di Youlu hanno pensato bene di creare un sistema esterno ai singoli sistemi operativi e quindi hanno programmato una piattaforma che si può installare su Symbian, iOS e Android in modo da poter salvare i contatti in maniera indipendente.

Per utilizzare Youlu, basta scaricare dal sito web ufficiale l’applicazione per il proprio dispositivo, registrarsi al servizio o loggarsi nel sistema ed avviare la sincronizzazione dei contatti. Inoltre, Youlu supporta il backup e il ripristino, non solo dei contatti della rubrica, ma anche dei messaggi di testo o degli MMS salvati nel cellulare.

Link | Youlu

Come analizzare le reti WiFi con Inssider, il Wifi Analyzer di Android per PC

Uno dei metodi più semplici in assoluto per analizzare velocemente ed in maniera semplice le reti WiFi che ci stanno intorno l’ho trovato per Android e si chiama Wifi Analyzer.

Ispirato da un software come quello, dopo un po’ di ricerca, ne ho trovato l’equivalente per Windows. Si chiama inSSIDer, applicazione gratuita che permette di vedere i canali su cui agisce, il tipo di protezione, la potenza del segnale in percentuale e, ovviamente, il nome (se presente) di tutte le reti captate dalla nostra scheda di rete.

Una delle cause di mal ricezione più sottovalutate deriva proprio dai canali di trasmissione, ed uno dei possibili esempi di utilizzo li riguarda: in generale, sono 13 i canali disponibili; ogni modem/router trasmette in particolare su uno di questi, ma il segnale si affaccia nei 2 limitrofi. Quando due o piu segnali hanno una ricezione simile e trasmettono sullo stesso canale, si possono verificare dei problemi di interferenza. Questo problema può essere messo in evidenza graficamente da Inssider e quindi sistemato cambiando semplicemente il canale di trasmissione del nostro modem/router.

Nonostante sia distribuito con un normale installer, è possibile copiare l’eseguibile di inSSIDer su una pen drive ed utilizzato in qualunque altro PC. Questa caratteristica lo rende estremamente versatile e gli permette di rendere noi più consapevoli di quali reti siamo circondati.

Link | inSSIDer